Home
PDF Stampa E-mail

 

 

 

 

 

 
 
 
GIORNATA CULTURALE
 
INSEGNAMENTI COMUNICATIVI
 
Come scegliere le parole giuste per condurre una comunicazione utile 
 
Evitare i conflitti tramite le parole, i toni e i gesti
 
Quali parole utilizzare con i nostri figli e i nostri cari 
 
prenotazioni: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
 
 
 
clicca su seminari

 
 
 
 
  CHE COSA è UNA TENSIONE 
  
 
 Una tensione fisiologicamente è una sofferenza, sia fisica, che mentale, consiste in uno stato di contrazione muscolare in qualche parte del nostro corpo.
 
la contrazione muscolare è provocata da uno stato di TENSIONE ELETTRICA che viene comunicato alle cellule muscolari dalle cellule nervose che sono nel cervello, è nel cervello, dunque, che si decide se attivare lo stato di contrazione muscolare e quindi la sofferenza, che è parente molto stretta della tensione.
 
lo stato di tensione elettrica cellulare deriva dall'attivazione del nostro sistema d'allarme naturale, che ha lo scopo di assicurarci la sopravvivenza e quindi entra in funzione ogni volta che a noi SEMBRA di ravvisare un pericolo per la nostra incolumità, quando venivamo aggrediti dalla tigre dai denti a sciabola, diverse migliaia di anni fa, il nostro sistema d'allarme andava benissimo per il suo scopo: ci faceva correre velocemente.
 
MA ADESSO? Adesso non è cambiato niente: continuiamo a correre velocemente con la differenza che non c'è più nessuna tigre dai denti a sciabola a inseguirci.
 
Oggi non ci insegue più nessuno, e allora perché corriamo continuamente? Perché quello che fa scattare in noi l'allarme è il cervello poiché decide cosa costituisce un pericolo per noi, infatti è "QUELLO CHE A NOI SEMBRA UN PERICOLO".
 
A volte il nostro cervello decide che non vi è nessun pericolo in cose pericolosissime e vede pericoli mortali in cose assolutamente innocue.
 
Il nostro cervello, sulla base della memoria che si ritrova (e non siamo noi), con tutti i ragionamenti che ci possiamo fare che decide se siamo in pericolo oppure no, e quando decide che lo siamo al quel punto non c'è niente da fare, e per farlo basta il pensiero.
 
L'elenco degli animali pericolosi per l'uomo in epoca preistorica fa ridere al confronto dei pericoli che il nostro pensiero è in grado di creare oggi, perché i pericoli INVENTATI dal nostro pensiero sono praticamente infiniti.
 
Tutto questo sarà materia delle conferenze e seminari che presenteremo nei prossimi mesi.  
 
 
   I relatori e tutte le persone a essi correlati, nell'ambito dei seminari,degli insegnamenti e delle informazioni rese,
non si vogliono sostituire ai medici e dunque non si assumono alcuna responsabilità ,non formulano diagnosi né prescrivono
trattamenti per specifici problemi di salute,inoltre non promettono, non garantiscono, né assicurano guarigioni. 

 
 
 
 Proprietà intellettuale: qualsiasi riproduzione totale o parziale del sito da parte di terzi senza consenso esplicito è vietata e costituisce una violazione punibile dagli art. l. 335.2 e successivi del Codice della proprietà intellettuale.

“Privacy”: l’utente ha diritto ad accedere, modificare, correggere ed eliminare i propri dati personali. Art.34 della legge informatica e libertà del 6 gennaio 1978.